Assicurazione, valutazione e accreditamento della didattica

Il processo di assicurazione della Qualità della didattica all’interno del Dipartimento viene implementato e garantito dalla Commissione Paritetica docenti-studenti e, per quanto concerne i CdS, dai Gruppi di Riesame in accordo con le linee guida fissate dal Presidio della qualità di Ateneo.

I riferimenti normativi (e la relativa documentazione) sul processo di autovalutazione e accreditamento sono reperibili alla pagina http://www.anvur.org (sezione AVA).

Una esauriente panoramica della normativa in vigore può essere consultata su questo documento.

Il Dipartimento di Economia e Management si è dotato di un sistema di assicurazione e di miglioramento della qualità della formazione erogata ai propri studenti le cui principali finalità sono:

  • miglioramento delle iniziative di orientamento finalizzate alla presentazione dell’offerta formativa e dei servizi  in modo da permettere una maggiore consapevolezza nelle scelte effettuate dagli studenti delle scuole secondarie;
  • potenziamento dei servizi di orientamento in itinere e tutorato in modo da velocizzare la carriera degli studenti, contenere il fenomeno dell’abbandono e del cambiamento di corso di studi scelto;
  • crescita delle attività di mobilità internazionale di studenti e docenti da attuare attraverso il programma ERASMUS plus e gli accordi bilaterali con partner extraeuropei;
  • l’incremento del numero di studenti che beneficiano delle possibilità di studio e di lavoro all’estero all’interno dei programmi ERASMUS Plus e Jean Monnet;
  • l’implementazione di modalità e-learning di erogazione delle lezioni per migliorare la disponibilità dei materiali didattici;
  • il rafforzamento dei contatti con enti e aziende esterne;
  • l’ottimizzazione della programmazione didattica in modo da garantire la sostenibilità dell’offerta didattica;
  • il potenziamento dell’offerta formativa in lingua inglese finalizzato all’attrazione di studenti stranieri;
  • l’istituzione di specifici servizi rivolti agli studenti cinesi iscritti al Dipartimento.

 

L’attività di assicurazione della qualità dei CdS si concretizza in:

  1. la redazione della Scheda di monitoraggio annuale
  2. la redazione del Rapporto di riesame ciclico
  3. la redazione della Scheda unica annuale;

I) La Scheda di Monitoraggio annuale del Corso di Studio

La Scheda di Monitoraggio annuale del CdS, che ha sostituito il Rapporto Annuale di Riesame, contiene un sintetico commento critico a un insieme di indicatori quantitativi proposti dall’Anvur ai CdS con lo scopo principale di indurre una riflessione sul grado di raggiungimento dei propri obiettivi. Ogni CdS ha individuato, fra tutti quelli proposti, gli indicatori più significativi in relazione al proprio carattere e ai propri obiettivi specifici.

Gli indicatori sono forniti in modo tale da consentire al singolo CdS di confrontarsi autonomamente con i corsi della stessa tipologia di laurea (triennale, magistrale e a ciclo unico), della stessa classe e dello stesso ambito geografico al fine di rilevare tanto le proprie potenzialità quanto i casi di forte scostamento dalle medie nazionali o macro regionali e di pervenire, anche attraverso altri elementi di analisi, al riconoscimento dei casi critici.

Gli indicatori si articolano in 6 sezioni:

1)Indicatori Didattica (Gruppo A – DM 987/2016, allegato E);2)Indicatori Internazionalizzazione (Gruppo B – DM 987/2016, allegato E);3)Ulteriori Indicatori per la valutazione della didattica (Gruppo E – DM 987/2016, allegato E);4) Indicatori sul Percorso di studio e la regolarità delle carriere (Indicatori di approfondimento);5)Soddisfazione e occupabilità (Indicatori di approfondimento);6) Consistenza e Qualificazione del corpo docente (Indicatori di approfondimento).

Nell’individuare gli obiettivi da raggiungere, a tutti i CdS è  raccomandato di preferire quelli di ampio respiro, eventualmente pluriennali, che possano portare a un effettivo miglioramento della formazione disciplinare degli studenti, evitando di intraprendere azioni di miglioramento senza nessi con l’analisi condotta attraverso gli indicatori, richieste generiche o irrealizzabili o dipendenti da mezzi e situazioni non controllabili da chi gestisce il CdS.

 

II) Rapporto di Riesame ciclico del Corso di Studio

Il Rapporto di Riesame ciclico,deve contenere un’autovalutazione approfondita dell’andamento del CdS basata sui pertinenti requisiti di AQ (R3), con l’indicazione puntuale dei problemi e delle proposte di soluzione da realizzare nel ciclo successivo. È redatto tipicamente a intervalli di più anni, con una cadenza non superiore ai cinque, in funzione della durata del CdS, della periodicità dell’accreditamento e della valutazione interna all’Ateneo (audit da parte del NdV), dell’intervenuta necessità di revisioni dell’ordinamento didattico, e comunque in preparazione di una visita di Accreditamento periodico. Ai fini dell’accreditamento periodico del CdS, il Riesame ciclico può essere anticipato in caso di criticità riscontrate, anche su segnalazione dell’ANVUR, del NdV o del MIUR.

Il Rapporto di Riesame ciclico mette in luce, principalmente, la permanenza della validità dei presupposti fondanti il CdS e del sistema di gestione utilizzato per conseguirli. Prende quindi in esame l’attualità dei profili culturali e professionali di riferimento e le loro competenze e degli obiettivi formativi, la coerenza dei risultati di apprendimento del CdS nel suo complesso e dei singoli insegnamenti e l’efficacia del sistema di gestione adottato.

La scheda di Riesame Ciclico si articola nelle seguenti parti:

1 – DEFINIZIONE DEI PROFILI CULTURALI E PROFESSIONALE E ARCHITETTURA DEL CDS (R3.A): Definizione della figura che si intende ottenere all’uscita del ciclo formativo, nei suoi principali aspetti culturali e professionalizzanti e corrispondenza fra i profili culturali e professionali in uscita e i percorsi formativi proposti.

2 – L’ESPERIENZA DELLO STUDENTE (R3.B): Analisi degli aspetti della didattica incentrati sullo studente, analisi dell’utilizzo di metodologie aggiornate e flessibili e accertamento delle competenze acquisite.

3 – RISORSE DEL CDS (R3.C): Analisi della disponibilità di adeguate risorse di personale docente e tecnico-amministrativo e di servizi. Analisi dell’adeguatezza delle strutture dedicate alle esigenze didattiche e della loro accessibilità agli studenti.

4 – MONITORAGGIO E REVISIONE DEL CDS (R3.D): Analisi della capacità del CdS di riconoscere sia gli aspetti critici che i margini di miglioramento nella propria organizzazione didattica e di intervenire di conseguenza. Accertare che le opinioni dei docenti, degli studenti di studenti, laureandi e laureati siano tenute nel debito conto e valorizzate.

5 – ANALISI DEGLI INDICATORI QUANTITATIVI: Analisi critica complessiva della serie degli indicatori quantitativi degli ultimi anni.

Ciascuna parte è articolata in tre sezioni:

  1. SINTESI DEI PRINCIPALI MUTAMENTI RILEVATI DALL’ULTIMO RIESAME
  2. ANALISI DELLA SITUAZIONE SULLA BASE DEI DATI
  3. OBIETTIVI E AZIONI DI MIGLIORAMENTO

in cui sono evidenziate i punti di forza, le sfide, gli eventuali problemi e le aree da migliorare, segnalando le eventuali azioni migliorative che si intendono realizzare al fine di garantire la qualità della formazione offerta

L’attività di riesame ha come obiettivo finale quello di  promuovere il miglioramento dell’efficacia della formazione fornita agli studenti.

In particolare l’attività dei Gruppi di riesame ha previsto:

  • analisi degli effetti delle azioni correttive già intraprese negli anni accademici precedenti;
  • individuazione dei punti di forza e /o delle aree da migliorare emerse dall’analisi di dati quantitativi (ingresso nel modo universitario, regolarità del percorso di studio, ingresso nel mondo del lavoro) o da problemi osservati o segnalati sul percorso di formazione dagli studenti
  • individuazione dei conseguenti interventi volti a introdurre azioni correttive sugli elementi critici messi in evidenza o ad apportare miglioramenti.

II) Scheda unica annuale

La Scheda Unica Annuale per Corso di Studio – SUA-CdS – viene compilata annualmente dal Presidente della Commissione SUA-CdS, o altro docente da lui delegato, unico abilitato ad accedere alla scheda SUA-CdS, dal sito docente a lui riservato (https://loginmiur.cineca.it/) tramite le proprie credenziali Cineca/Docente/MIUR. La SUA-CdS raccoglie le informazioni sulle attività di ogni corso di studio, da usare per la comunicazione con i portatori di interesse e per tutte le attività di auto-valutazione e valutazione esterna. La sua adozione costituisce uno dei requisiti di sistema per l’Assicurazione della Qualità della formazione.

La scheda si compone delle seguenti sezioni:

  • Sezione “Qualità”, che raccoglie ogni informazione utile a far conoscere la domanda di formazione, il percorso di formativo, i risultati di apprendimento attesi, i ruoli e le responsabilità che attengono alla gestione del sistema di assicurazione della Qualità del corso, i presupposti per il riesame periodico dell’impianto del Corso di studio e le eventuali correzioni individuate;
  • Sezione “Amministrazione” che raccoglie i dati d’istituzione (RAD) e di attivazione pregressa (OFF.F) del corso, consentendo una migrazione verso il nuovo sistema di gestione delle informazioni che viene a costituirsi come una piattaforma di comunicazione “integrata” che consente di veicolare verso tutti i destinatari del processo di comunicazione la medesima informazione.

La parte pubblica della scheda SUA-CdS di ogni corso di Studio, è consultabile nel sito Universitaly nella sezione Offerta Formativa.