Informazioni Generali sui Corsi di Laurea

Il Dipartimento di Economia e Management  ha attivato per l’a.a. 2020/21 i seguenti corsi di laurea

Corso di Laurea
Banca, Finanza e Mercati Finanziari
Economia Aziendale 
Economia e Commercio
Bachelor of Science in Management of Business and Economics (in lingua inglese)
Economia e Legislazione dei sistemi logistici (sede di Livorno)

Regolamento sull’accesso ai Corsi di Laurea in lingua italiana

STRUTTURA COMUNE DEI CORSI DI LAUREA 

Ciascun corso di laurea si articola su tre anni. La didattica è organizzata su base semestrale, per cui, di norma, metà degli insegnamenti di un anno di corso ha luogo nel primo semestre e la restante metà nel secondo semestre. Gli insegnamenti che conferiscono la specializzazione tipica di un corso di laurea vengono svolti a partire dal secondo semestre del secondo anno, mentre il primo anno e mezzo è comune a tutti i corsi di laurea.

Per il conseguimento del titolo è necessario totalizzare 180 CFU.

Oltre alle attività formative obbligatorie previste dai piani di studio dei diversi corsi di laurea, lo studente può arricchire la propria formazione attraverso attività formative integrative e/o professionalizzanti come i seminari e i periodi di stage in aziende convenzionate e i periodi di studio all’estero.

 

I PRIMI TRE SEMESTRI COMUNI

I corsi di laurea di primo livello in Lingua italiana (eccetto il corso in Economia e legislazione dei sistemi logistici) prevedono un primo anno e mezzo di formazione comune in cui sono svolti insegnamenti di base e caratterizzanti considerati propedeutici per i restanti insegnamenti dei 4 ambiti presenti in Dipartimento di Economia e Management.

Questa prima fase di formazione comune è così articolata:

I Anno comune (5 esami + 1 Test)

  • Matematica generale (12 CFU)
  • Economia aziendale I (12 CFU)
  • Economia politica I (12 CFU)
  • Statistica (9 CFU)
  • Lingua straniera (9 CFU)
  • Test informatica (3 CFU)

II Anno comune – I Semestre (3 esami)

  • Economia aziendale II (9 CFU)
  • Economia politica II (9 CFU)

 

Corsi di insegnamento del primo anno e mezzo comune: criteri di ripartizione degli studenti

Per la frequenza dei corsi di insegnamento del primo anno e mezzo (tre semestri comuni) dei tre corsi di laurea di primo livello caratterizzati da contenuti formativi identici, è prevista una ripartizione degli studenti per lettera d’alfabeto indipendente quindi dal corso di laurea di appartenenza.

 

Di seguito riportiamo la tabella di assegnazione in base alla lettera iniziale del cognome:

Primi tre semestri

Corso studenti immatricolati 2017-18 studenti immatricolati a.a precedenti
Corso A da A a Cas da A a CoR
Corso B da Cat a F da CoS a Lol
Corso C da G a Mes da LoM a PK
Corso D da Met a Ris da PL a Z
Corso E da Rit a Z

Corsi del II anno

Corso A da A a COR
Corso B da COS a LOL
Corso C da LOM a PK
Corso D da PL a Z

 

Corsi sdoppiati II e III Anno

Corso A da A a LOL
Corso B da LOM a Z

 

SEMESTRI SUCCESSIVI

Nei semestri successivi a quelli in comune, ai corsi annuali sono assegnati 12-9 crediti formativi, mentre i corsi semestrali conferiscono 6 crediti. Lo studente, oltre a sostenere gli insegnamenti obbligatori, può selezionare materie all’interno di rose di insegnamenti secondo propri interessi specifici; alternativamente può deviare dalle scelte suggerite dai singoli Regolamenti di corso di laurea presentando un piano di studio individuale, la cui congruenza deve comunque essere valutata dalle Commissioni piani di studio e pratiche studenti istituite all’interno dei CdL.

Al termine del percorso di studio e per il conseguimento del titolo lo studente deve sostenere una prova finale. La prova ha lo scopo di verificare, sulla base di un breve elaborato scritto e della sua presentazione di fronte ad una apposita commissione, la capacità dello studente di presentare e discutere un problema di attualità, o dedotto dalla letteratura, affrontato nel corso della carriera universitaria, ovvero di riferire su un’eventuale esperienza maturata in un periodo di tirocinio svolto presso enti/istituti di ricerca, aziende/amministrazioni/organizzazioni pubbliche o private.

[/su_accordion]

 

FREQUENZA

Non è prevista frequenza obbligatoria. Tuttavia la frequenza alle attività didattiche soprattutto del primo anno è vivamente consigliata.